Panorama TV

Gentiloni a Strasburgo: "No a Europa di serie A e di serie B"

Paolo Gentiloni, davanti al Parlamento Ue a Strasburgo in vista delle celebrazioni dei 60 anni dei Trattati di Roma, è tornato a parlare del futuro dell'Ue. "Siamo consapevoli di attraversare uno dei momenti più difficili e incerti di questi 60 anni" ha detto il premier riferendosi alla Brexit ma anche alle conseguenze della crisi economica e di quella politica sui migranti. "Qualcuno ha parlato del rischio di un 1989 alla rovescia - ha detto in aula Gentiloni - In cui l'Europa si caratterizza per ricostruire muri. È un rischio che possiamo e dobbiamo impedire". In vista delle celebrazioni del 25 marzo il premier ha aggiunto che non ci sarà un'Europa di serie A e una di serie B, ma che "L'Europa non puà stare ferma" difendendo l'idea di una Ue a più velocità. 

 

(Video: Next New Media / Tiziana Guerrisi)

I PIU VISTI