Panorama TV

La legge elettorale dopo la sentenza della Consulta

Come è cambiata la legge elettorale dopo la sentenza della Corte Costituzionale


Di legge elettorale l'Italia oggi non ne ha una in vigore, bensì due: una per la Camera dei Deputati e l'altra per il Senato della Repubblica. Sono entrambe il risultato di modifiche introdotte dalla Corte Costituzionale. Alla Camera è infatti in vigore l'Italicum voluto dal Pd di Matteo Renzi, modificato però con la sentenza della Consulta del 24 gennaio. La corte ha rimosso il ballottaggio dalla legge ma ha lasciato in piedi il premio di maggioranza per chi supera il 40% deli voti.


Al Senato invece c'è quello che viene chiamato Consultellum, ovvero il vecchio Porcellum approvato dal Governo Berlusconi ma modificato anch'esso dall'intervento della Corte Costituzionale. Il risultato è che al Senato oggi il sistema elettorale è proporzionale puro con due diverse soglie di sbarramento al 3% e all'8%.

Ciò significa che anche in caso di vittoria di un partito alla Camera, non è detto che quel partito ottenga la maggioranza al Senato, dove i seggi sono distribuiti su base regionale.


I PIU VISTI