Cinema

AmeriQua, il film con cui Bobby Kennedy III omaggia l'Italia - Video

Il rampollo statunitense porta al cinema i suoi anni vissuti a Bologna

Bobby Kennedy III, nipote di Robert Kennedy, anni fa ha scelto l'Italia per completare i propri studi universitari. Da allora ha imparato a conoscere la nostra Penisola e tuttora i suoi migliori amici sono italiani. 
È da questa esperienza e questo amore genuino per la nostra terra che nasce AmeriQua, film dal 16 maggio nelle sale. Rimestando infatti le sue avventure italiche, Bobby ha scritto una sceneggiatura, romanzando in chiave naïve e rocambolesca alcune vicende realmente accadutegli.

 

Marco Bellone e Giovanni Consonni, formatisi a Mtv, sono i registi che hanno dato corpo al suo script, coinvolgendo come attori, oltre che lo stesso Bobby, Alessandra Mastronardi, Eva Amurri e Giancarlo Giannini. E anche Alec Baldwin fa capolino. 
\"La sceneggiatura porta la firma di un ragazzo cresciuto a New York con una visione un po' americana del nostro Paese, ma tornato negli Stati Uniti con un vissuto ricco di sentimenti made in Italia, primi tra tutti l'amicizia e l'accoglienza calda che solo l'Italia sa regalare\", dicono i due cineasti. \"Come registi abbiamo cercato di dare una connotazione surreale alla rappresentazione dell'Italia, mettendo insieme sia elementi positivi e da cartolina, sia i cliché\".

 

Ma le avventure di uno statunitense che ribalta il sogno americano non sarebbero state cinema se non ci fosse stata la produzione di Marco Gualtieri, che racconta com'è tutto iniziato, in maniera quasi rocambolesca: \"Quattro anni fa vengo invitato dalla famiglia Kennedy a Washington DC per l’insediamento di Barack Obama alla Casa Bianca. La mia amicizia con Kerry Kennedy e la sua famiglia è di alcuni anni e nasce in seguito al mio coinvolgimento con la Fondazione Robert F. Kennedy Center for Justice e Human rights\". 

E continua: \"Ho avuto modo di chiacchierare con persone che avevo visto solo sui grandi schermi o al centro di eventi e notizie di carattere internazionale. La rappresentanza di personaggi del mondo hollywoodiano era molto cospicua e non mi vergogno a dire che mi ha emozionato conoscere e scherzare, uno tra tutti, con Ron Howard; io, classe 1970, che sono nato con Happy Days. Per questo rimango molto colpito quando Bobby Kennedy III mi si avvicina e in italiano mi dice: 'Marco diceva mia zia che forse tu mi puoi aiutare per realizzare il mio film'. Rimango sbigottito e la mia unica reazione è: 'Ma scusa ma hai visto chi c’è in questa casa? E vieni a chiedere a me che non sono nessuno? E poi mi stupisce che parli in italiano perché sei l’unico Kennedy che conosco che  parla italiano. Tutta la tua famiglia ama l’Italia ma nessuno parla l’italiano'. Bobby mi risponde: 'Sì perché io ho vissuto un anno a Bologna, il mio migliore amico si chiama Lele ed è di Lecce. E il film che ho scritto parla della mia esperienza in Italia e del mio amore per l’Italia. Tu sei italiano è per quello che chiedo a te'. Tutto mi puoi dire ma quando mi parli di amicizia e di amore per l'Italia mi sciolgo\".

 

Ed è così che nasce AmeriQua, una commedia che si sviluppa come una sorta di road movie tra New York e Bologna, che attraversa l’Italia partendo da Napoli e passando per Roma. Protagonista, ovviamente, un giovane di buona famiglia che anziché fare colloqui di lavoro preferisce gozzovigliare ma, messo alle strette dai suoi, parte per l'Italia per un viaggio al confine tra sogno e realtà. Qui sopra un estratto video del film.

I PIU VISTI