Cinema

Dark Skies - Oscure presenze, video in anteprima del thriller soprannaturale

Diretto da Scott Stewart, il 24 ottobre arriva nelle sale italiane

Arriva oggi in sala Dark Skies – Oscure Presenze, un thriller soprannaturale che segue le vicende di una giovane famiglia che vive in periferia.

Lo dirige lo statunitense Scott Stewart, autore anche della sceneggiatura e già regista di Priest (2011) e Legion (2010) e sviluppatore di effetti speciali di Iron Man (2008) e Il mondo perduto - Jurassic Park (1997).

I coniugi Daniel (Josh Hamilton) e Lacy Barrett (Keri Russell) sono testimoni di una fitta serie di eventi, sempre più inquietanti, che colpisce la loro famiglia sconvolgendo rapidamente la sicurezza e la tranquillità della loro casa. Quando diventa chiaro che i Barrett sono presi di mira da una forza incredibilmente terrificante e letale, Daniel e Lacy decidono di affrontare la questione in prima persona per proteggere la propria famiglia e risolvere il mistero che si cela dietro all'oscura presenza che li sta perseguitando.

Panorama.it ne presenta un estratto video in esclusiva.

 

\"A livello visivo, volevo che il film apparisse e venisse percepito come verosimile e realistico. In precedenza avevo realizzato due film dalla forte connotazione stilistica mentre per Dark Skies ho abbandonato quel tipo di caratterizzazione a favore di un realismo incentrato sui personaggi e di un approccio narrativo più lineare. Ho pensato che se il pubblico avesse percepito i Barrett come realistici e si fosse immedesimato in loro, sarebbe stato molto più terrorizzato quando alla famiglia iniziano ad accadere strani ed inquietanti avvenimenti. Per aiutarmi a conseguire questo obiettivo, ho voluto David Boyd come direttore della fotografia\" ha detto Stewart. \"Al di là della fotografia, il mio desiderio di mantenere il film realistico e verosimile si è esteso a tutti gli aspetti della produzione, in particolare alla scenografia. Abbiamo scelto di girare interamente in location reali perché volevo che le restrizioni imposte da questo tipo di riprese influenzassero l’estetica generale del film. Inoltre, questo particolare ha aiutato gli attori a immedesimarsi ancora di più nelle vite dei propri personaggi, poiché tutto ciò che li circondava era reale\".

I PIU VISTI