Cinema

Les Misérables: Hugh Jackman sull'Everest del musical - Video intervista in esclusiva

Canta, balla, recita, e per mesi ha condotto una vita da monaco per preservare la voce per il colossal firmato Tom Hooper

12 settimane di riprese a Gourdon, nel sud della Francia. E per tutti i giorni cantare, per tutto il giorno, ciak dopo ciak, mettendo alla prova la resistenza fisica. Hugh Jackman, aitante omone ex e futuro Wolverine (presto arriverà il nuovo episodio sugli X-Men), te lo vedi più a sfoderare muscoli furioso che non a cantare. E invece è lui uno dei protagonisti del musical Les Misérables di Tom Hooper, che il 30 gennaio arriverà nelle sale italiane. Perché la prestanza serve anche e soprattutto per recitare, cantare e ballare.


L'attore australiano, fresco vincitore del Golden Globe come migliore attore, interpreta l’ex-prigioniero Jean Valjean che, dopo esser venuto meno agli accordi, viene inseguito per decenni dallo spietato poliziotto Javert (Russel Crowe). Quando Valjean promette di prendersi cura della giovane figlia dell’operaia Fantine (Anne Hathaway), Cosette, le loro vite cambiano per sempre.

\"Credo che il musical rappresenti l'Everest per un attore\" dice Jackman. \"È come se tutto il mio lavoro finora, dal teatro al cinema, avesse come scopo ultimo girare questo film\". Intanto la sua interpretazione gli è valsa anche una nomination agli Oscar come miglior attore protagonista (Les Misérables ha all'attivo otto candidature, tra cui miglior film e migliore attrice non protagonista per Anne Hathaway).


In questo video in esclusiva, con estratti del film, Jackman ci racconta le sue sensazioni, la fatica del set e la vita quasi da monaco fatta durante le riprese per preservare la voce. E membri del cast, da Crowe al regista Hooper, ci raccontano com'è stato lavorare con Hugh.

I PIU VISTI