Cinema

"La quinta stagione", il film catastrofista di Peter Brosens e Jessica Woodworth - Video

L'inverno non vuole andarsene nella visione pre-apocalittica e di grande potenza visiva dei due registi belgi

Se l'inverno non volesse più andarsene e la primavera, l'estate, l'autunno fossero ancora un lungo rigido inverno?

La piovosità e il freddo della primavera attuale ci fanno sentire questa visione non così lontana... Ma i registi belgi Peter Brosens e Jessica Woodworth portano l'ipotesi ai loro livelli estremi in La quinta stagione, film presentato alla scorsa Mostra del cinema di Venezia, che arriverà nelle sale italiane il 27 giugno. Qui ve ne presentiamo un estratto video in esclusiva.

 

Originale e dal gusto pre-apocalittico, si tratta di un'opera collettiva ambientata in un remoto villaggio delle Ardenne che sembra fuori del tempo, ancora intessuto di riti agresti e mestieri legati alla terra. Una misteriosa calamità sconvolge però il corso delle stagioni: la primavera si rifiuta di arrivare, gli alberi cominciano a cadere, i semi non attecchiscono al suolo e non germogliano, le provviste scarseggiano. Il ciclo della natura è turbato.

In un simile scenario, si sgretolano anche i rapporti umani, crescono l'individualismo e il sospetto, gli animi si abbrutiscono, ritorna con cecità animalesca la \"caccia alle streghe\".

Solo due adolescenti, Alice (Aurélia Poirier) e soprattutto Thomas (Django Schrevens), cercano di dare ancora un senso alla loro vita...

Intanto la fotografia di Hans Bruch Jr. scolpisce sequenze memorabili, ricche di suggestioni visive, nella luce tenue dell'interminabile inverno belga. 

I PIU VISTI