Lifestyle

Inchiesta: gli italiani, il cibo, il peso, il loro corpo

Qual è il rapporto? Quali le parti preferite o odiate? Com'è cambiato il nostro modo di mangiare? I risultati di un'inchiesta Nestlè

L’estate è un periodo cruciale per la tanto temuta prova costume. Gli italiani si piacciono poco ma soprattutto cambierebbero volentieri alcune parti del corpo. E’ quanto emerge da un’analisi dell’Osservatorio Nestlé-Fondazione ADI - nell’ambito dello studio annuale svolto sulle abitudini alimentari degli italiani.
Lo studio ha evidenziato infatti una forte insoddisfazione riguardo ad alcune parti del corpo da parte di donne e uomini che hanno focalizzato soprattutto sull’addome e sul girovita l’oggetto del loro scontento. E riguardo a questa parte del corpo, a sorpresa, si sentono maggiormente a disagio proprio gli uomini che per il 92% si dichiarano poco o per niente soddisfatti, rispetto al 80% delle donne che su questo punto sembrano sentirsi meno insicure dei partner.

Lo scontento emerge sprattutto alla prova costume, dove il nostro giudizio non si ferma alla ‘pancetta’. Le donne non amano le proprie gambe 55%, i fianchi 39% i glutei 31% e le braccia 26%. Mentre gli uomini sono principalmente insoddisfatti, oltre che dell’addome, soprattutto dei loro fianchi 20%, del petto 19% e delle gambe l’11%.

I dati emersi sull’insoddisfazione del proprio aspetto colpiscono alla luce di una maggiore consapevolezza e attenzione degli italiani all’alimentazione emersa di recente. Proprio l’Osservatorio Nestlé-Fondazione ADI aveva osservato quanto gli italiani stessero diventando più fiscali nell’attenzione alle porzioni (il 26% rispetto 17% del 2011) e più intenditori di calorie (….14% rispetto al 10% del 2010).

"Questi risultati sono molto incoraggianti e dimostrano come le campagne di educazione alimentare e un'informazione mirata stiano iniziando a portare i primi frutti. Oltre a porre attenzione alla frequenza dei pasti e alle porzioni, è necessario però ricordare che il tempo dedicato ai pasti è fondamentale per l'assimilazione dei cibi, il gusto e l'equilibrio di tutta la dieta giornaliera”, ha commentato il dott. Giuseppe Fatati – Presidente della Fondazione ADI e coordinatore scientifico dello studio.
Ma cambiare la percezione del nostro corpo e recuperare una buona forma fisica è sempre possibile! Il primo passo è iniziare a fare qualcosa proprio in vacanza, approfittando della libertà dagli impegni che le vacanze ci assicurano e della possibilità di fare più movimento e soprattutto ponendo un’attenzione particolare ad un’alimentazione sana ed equilibrata.  Come spiega il dott. Giuseppe Fatati, coordinatore scientifico dell’Osservatorio Nestlé - Fondazione ADI  “il movimento fisico innesca un circolo virtuoso tra sport e alimentazione, migliorando entrambi. Inserire un’attività fisica all’interno della propria quotidianità aiuta ad educare il nostro corpo ad uno stile di vita più sano sotto ogni punto di vista, anche quello alimentare”. Prosegue Fatati:  “E in questo sono soprattutto gli uomini a darsi da fare non appena iniziano le ferie. Meno tempo sotto l’ombrellone, maggior dedizione allo sport e alcune accortezze a tavola. E’ importante però tenere in considerazione in quale momento della giornata si fa attività fisica e declinare la propria alimentazione in base ai ritmi di vita”.

I PIU VISTI