Lifestyle

La danza nell'Aero Gravity di Maja

Hanno davvero dell'incredibile le immagini della danza nell'aria della campionessa mondiale juniores di indoor skydiving

La danza nell'Aero Gravity di Maja


Un cilindro di cristallo alto 8 metri capace di riprodurre le sensazioni di un lancio prima del paracadute, alla velocità di 310 km/h. L’Aero Gravity di Milano, il tunnel verticale più grande del pianeta e l'unico in Italia, ha ospitato la performance della campionessa mondiale juniores di indoor skydiving Maja Kuczynska, che si è esibita nelle sue sorprendenti coreografie volteggiando come una foglia sospinta dal vento.

“Ho sempre volato in tunnel molto più piccoli del nuovo Aero Gravity, ora che esiste una struttura di queste dimensioni, si apriranno nuove opportunità per questo sport – ha commentato la giovane atleta polacca – È fantastico potersi esprimere così liberamente, senza essere limitati nei movimenti dalla vicinanza con le pareti”.

Maja, classe 2000, aveva solo dieci anni quando si è lanciata per la prima volta con il paracadute e qualche anno dopo ha sperimentato il simulatore di caduta libera, attività che è diventata presto la sua più grande passione.

“Mi alleno continuamente in volo per perfezionare i miei movimenti e inventarne sempre di nuovi, ispirandomi a svariate discipline come la danza, la ginnastica e il pattinaggio artistico – ha raccontato l’atleta Red Bull che, a proposito della sua preparazione, ha aggiunto – Anche l’allenamento all’esterno del tunnel è importante per potenziare muscoli ed elasticità, mantenendo la forma ideale per volare. In vista delle prossime competizioni mi sto concentrando particolarmente sulla dinamica e la spettacolarità delle mie coreografie che devono riuscire a esprimere contemporaneamente delicatezza e potenza”.

Incredibili doti, unite a dedizione e professionalità hanno già fatto conquistare a Maja Kuczynska il titolo di Indoor Skydiving Junior World Champion e il quarto posto nella categoria Open Freestyle alla FAI World Cup di Indoor Skydiving del 2016.

I PIU VISTI