News

Cisgiordania: bambino palestinese ucciso in un rogo

La vittima aveva 18 mesi. Possibile attacco da parte dei coloni israeliani. Hamas minaccia rappresaglie

Eì alta la tensione in Cisgiordania dopo la morte di un bambino di 18 mesi rimasto intrappolato nell'incendio dell'abitazione della sua famiglia. Incendio di chiara origine dolosa e quasi sicuramente di responsabilità dei coloni israeliani che vivono nella zona. Sulle pareti della casa data alle fiamme infatti sono comparse scritte come "Vendetta" e "W il Messia".

Un vero e proprio attacco che ha inevitabilmente rialzato la tensione nei territori. Il premier israeliano Netanyahu si è detto "terribilmente sconvolto da questo vile atto di terrorismo quali ne siano gli autori". Immediata però è stata la risposta di Hamas. Il portavoce del movimento islamico-palestinese ha dichiarato i "coloni ed i soldati di ISraele obiettivi legittimi". C'è quindi il grosso rischio di attentati e rappresaglie.

La vittima, Ali Dawabsheh, viveva nella casa di famiglia nel villaggio di Duma, vicino a Nablus; il fratello ed altri familiari del piccolo sono riusciti a salvarsi gettandosi dalle finestre anche se sono rimasti ustionati anche in maniera grave. per il piccolo invece non c'è stato nulla da fare. 

I PIU VISTI