News

Kosovo: l'esercitazione "silver sabre" della Kfor

I soldati della Kfor, tra cui molti italiani, impegnati in esercitazioni antiterrorismo in Kosovo

Si e’ conclusa venerdi’ l’Esercitazione “Silver Sabre”, la piu’ importante esercitazione condotta annualmente dalla Forza NATO in Kosovo (Kosovo Force - KFOR) per valutare la propria capacita’ di risposta immediata a minacce contro la sicurezza e la liberta’di movimento per tutta la popolazione del Kosovo. L’imponente edizione di quest’anno, che ha visto operare sul campo oltre 600 militari di 31 Nazioni con decine di veicoli blindati ed elicotteri, ha avuto lo scopo di dimostrare l’elevato grado di cooperazione raggiunto da KFOR in supporto alla Missione EULEX dell’Unione Europea e alle Forze di Polizia locali.


Il Comandante di KFOR, Generale di Divisione Guglielmo Luigi MIGLIETTA, ha sottolineato, al termine dell’ evento, come ancora una volta KFOR abbia dato prova di essere una forza pronta, flessibile ed efficace nel suo duplice ruolo di primo garante della sicurezza del Kosovo e di terzo attore nella risposta a turbamenti dell’ordine pubblico.


KFOR, nell’ambito dell’ampio spettro di compiti previsti dal suo mandato, svolge un ruolo chiave quale forza di prevenzione e, qualora necessario, di risoluta risposta al degradamento delle condizioni di sicurezza in Kosovo, in supporto alle Istituzioni locali ed alla Comunitá Internazionale ivi operante.


Al riguardo, il Segretario Generale della NATO, Jens STOLTEMBERG, nel corso della sua recente visita in Serbia, ha rimarcato come KFOR rappresenti la piu’ duratura missione mai condotta dalla NATO e ne ha enfatizzato il ruolo cruciale per garantire la sicurezza dell’intera regione balcanica e per facilitare il dialogo tra Pristina e Belgrado.


L’Esercitazione “Silver Sabre” ha messo in luce un duplice aspetto del successo della missione NATO KFOR, impegnata in Kosovo da oltre 15 anni. Da un lato, l’elevato grado di preparazione e versatilitá dei suoi soldati, addestrati ed equipaggiati per rispondere a minacce e rischi multiformi e capaci di adattare il loro operato alle mutevoli condizioni di impiego tipiche di un Teatro operativo complesso come quello kosovaro. Dall’altro, la sua flessibilita’ organizzativa, che consente a KFOR di adeguare procedure e strutture organizzative all’evolversi della situazione, garantendo, in ogni condizione, la superiorita’ informativa, la capacita’di comando e controllo e, in definitiva, la tempestivita’ e l’adeguatezza della risposta.


Nel corso dell’Esercitazione “Silver Sabre” sono state valutate, al riguardo, le procedure di rapida immissione e integrazione della riserva operativa della NATO (Operational Reserve Force – ORF) nel dispositivo di KFOR schierato permanentemente sul terreno, forte di circa 5000 uomini. KFOR é una forza multinazionale integrata ed integrabile, pronta ad intervenire in tutto il Kosovo ed in Bosnia Erzegovina, qualora la situazione lo richieda, grazie alla sua capillaritá sul terreno e alla flessibilitá di impiego garantita dal sistema modulare di riserve disponibili.


In Kosovo operano oltre 500 militari italiani, facendo dell’Italia, oggi al Comando della Missione KFOR, il secondo Paese contributore in termini di truppe dopo gli Stati Uniti.

I PIU VISTI