News

L'epurazione di Renzi mina il Pd

Via i 10 dissidenti in Commissione affari Costituzionali per evitare trucchi contro l'Italicum; il partito sull'orlo dell'implosione

Via i 10 dissidenti dalla Commissione Affari Istituzionali, che doveva discutere eventuali emendamenti sull'Italicum. Matteo Renzi usa il pugno duro e caccia i membri della minoranza del Pd scatenando polemiche nell'opposizioni ma soprattutto dentro il suo partito.

La mossa del premier è chiara: vuole l'Italicum approvato entro metà maggio, prima delle regionali, e con questa mossa toglie dal percorso eventuali perdite di tempo a suon di emendamenti che la minoranza del Pd ed i suoi uomini in commissione erano pronti a votare.

"Una decisione non indolore" commentano gli epurati pronti alla guerra interna. Ma sono in molti a credere che a questo punto Renzi porrà la mozione di fiducia sull'Italicum. Quindi o legge elettorale o voto anticipato

I PIU VISTI