News

Parlamento Europeo: i punti fermi del negoziato sulla Brexit

Questi i contenuti della risoluzione del Parlamento Europeo sul negoziato con Londra per la Brexit

Parlamento Europeo: i punti fermi del negoziato sulla Brexit


Il Parlamento Europeo ha adottato, a stragrande maggioranza, una risoluzione che stabilisce i principi e le condizioni per l’approvazione dell’accordo di uscita del Regno Unito. Qualsiasi accordo al termine delle negoziazioni tra UE e Regno Unito avrà bisogno dell’approvazione dei deputati europei.

I deputati hanno sottolineato l’importanza di garantire un trattamento equo e paritario ai cittadini UE che vivono nel Regno Unito e ai cittadini britannici che vivono nell’UE, evidenziando inoltre che il Regno Unito rimarrà un membro UE fino alla sua uscita ufficiale e che ciò comporta diritti, ma anche obblighi, come gli impegni finanziari che potranno protrarsi anche al di là della data d’uscita.

Nella risoluzione, approvata con 516 voti a favore, 133 contrari e 50 astensioni, i deputati mettono in guardia contro qualsiasi tentativo di “scambio” tra la cooperazione in materia di sicurezza e il futuro rapporto economico tra UE e Regno Unito. I deputati si oppongono anche a qualsiasi tipo di futura relazione economica caratterizzata da accordi specifici in ogni settore e ribadisce l'indivisibilità delle quattro libertà del mercato unico: la libera circolazione di beni, capitali, servizi e persone.

Si potranno discutere eventuali disposizioni transitorie solo quando saranno stati compiuti “notevoli progressi” nei negoziati sulle modalità d’uscita del Regno Unito dall’UE. Tali disposizioni transitorie non potranno durare più di tre anni, mentre un accordo sulle relazioni future potrà essere raggiunto solamente quando il Regno Unito sarà ufficialmente uscito dall’UE.

I PIU VISTI