Calcio

La Junior Tim cup contro il cyberbullismo

Ranocchia e Mastour testimonial del progetto contro il bullismo in rete che crea tanti problemi ai ragazzi di oggi

La “Junior TIM Cup – Il calcio negli Oratori” ha giocato oggi a Milano  una delle sue partite più importanti, quella contro il cyberbullismo.  Il fenomeno in preoccupante crescita specialmente tra gli adolescenti è stato al centro dell’incontro che si è tenuto presso l’oratorio San Idelfonso durante il quale il Professor Massimo Picozzi, psichiatra e criminologo, ha incontrato ragazzi, genitori ed educatori per sensibilizzarli sul tema. All’iniziativa hanno partecipato anche Andrea Ranocchia dell’F.C. Internazionale e Hachim Mastour dell’A.C. Milan, raccontando il loro rapporto con i Social e il web.

 

Durante l’incontro il Professor Picozzi ha presentato la prima di cinque video-pillole, che saranno divulgate attraverso i canali social della Serie A TIM, realizzate per fornire indicazioni utili per riconoscere e affrontare il fenomeno del cyberbullismo: dalla prevenzione alle contromisure necessarie,. All’interno delle clip le testimonianze di calciatori della Serie A TIM: Andrea Ranocchia (F.C. Inter), Claudio Marchisio (Juventus F.C.), Alessandro Florenzi (A.S. Roma) e Andrea Belotti (U.S. Palermo).

 

Inoltre i ragazzi della Junior TIM Cup hanno partecipato al laboratorio “Più belli meno bulli” durante il quale, attraverso un gioco, hanno conquistato delle parole che sono servite per realizzare degli slogan. Alla fine del laboratorio, infatti,  è stato scelto lo slogan che più di tutti ha espresso un messaggio positivo per la prevenzione e sensibilizzazione dei coetanei sulle tematiche del cyberbullismo. Questo tipo di attività ha permesso di trasmettere ai ragazzi una responsabilizzazione attiva della loro presenza sui social e, in generale, nell’utilizzo delle nuove tecnologie.

 

“Il cyberbullismo è un fenomeno subdolo, inquietante e in costante crescita – ha spiegato il professor Massimo Picozzi --. Raccoglie ogni forma di minaccia, insulto e prevaricazione attuata attraverso le nuove tecnologie di comunicazione. Ed è proprio la parola “comunicazione” il termine sul quale occorre insistere. Facebook, Twitter, Instagram e altre piattaforme tecnologiche non potranno mai sostituire la ricchezza e la civiltà di un rapporto “reale”. Ma è importante che questo lo comprendano i ragazzi, fin dal primo utilizzo di un cellulare o di uno smartphone. E lo sport, con i suoi valori legati al rispetto dell’altro, al valore del gruppo, al confronto aperto e autentico, rappresenta un’arma educativa eccezionale: per sconfiggere il bullismo e crescere uomini e donne capaci di parlare senza prevaricare”.

 

Andrea Ranocchia: “L’impatto che oggi hanno i social e internet in generale sui più giovani è tale da rendere necessari e utili incontri come quello di oggi, affinché si mettano alla luce i potenziali rischi seguiti al loro uso. Io per esempio sono un discreto conoscitore del mondo social, sono un fruitore curioso e mi è bastato poco per intuirne pericoli e portata. Per cui il consiglio che mi sento di dare è di partecipare attivamente e con interesse ad appuntamenti come questo, sfruttando l’esperienza degli adulti, preparati sulla materia, che sono qui oggi e a vostra disposizione. Io “twitto” con la testa, fatelo anche voi ragazzi!

Hachim Mastour: “Come tutti i giovani, anche io utilizzo spesso i social network per relazionarmi con amici e tifosi. I social rappresentano un eccezionale strumento di comunicazione, ma possono nascondere delle insidie se non vengono utilizzati in modo consapevole. Incontri come quello di oggi sono quindi molto utili e importanti per sensibilizzare i ragazzi ad utilizzare internet nel modo corretto e ad individuare potenziali rischi e minacce. Il Milan è da sempre molto attento a questa problematica, tanto che l'anno scorso i ragazzi delle giovanili hanno partecipato a vari incontri contro il cyberbullismo, realizzando anche degli sport sul tema della violenza psicologica in rete”

 

Per il terzo anno consecutivo la Serie A TIM ospita il torneo che segna l’alleanza tra il grande calcio professionistico e quello oratoriale. La Junior TIM Cup 2014/2015, torneo di calcio a 7 Under 14, promosso da Lega Serie A, TIM e CSI, raggiunge tutte le 15 città in cui viene disputato massimo campionato. La fase finale del trofeo sarà disputata tra le migliori squadre vincitrici dei tornei regionali in occasione della finale TIM Cup 2015.

I PIU VISTI