Sport

Dal Texas lo spettacolo del Red Bull cliff diving

L'inglese Gary Hunte si conferma il più forte, ma che spettacolo anche la prima tappa delle donne

L’inglese Gary Hunt, con due 10 e il punteggio più alto mai assegnato nell’intera stagione si aggiudica tre tappe su tre con un nuovo record personale di 533.90 punti. Questa terza tappa, che ha subito un cambio di programma a causa delle avverse condizioni meteorologiche, vede salire sul podio gli atleti migliori del campionato: Orlando Duque (Colombia), e Artem Silchenko (Russia), vincitori mondiali rispettivamente nel 2009 e nel 2013. La texana Rachelle Simpson, campionessa mondiale in carica, vince la prima tappa della Women’s World Series che ha preso il via proprio dal lago Possum Kingdom.

L’inarrestabile trentenne Gary Hunt, fa tris di vittorie, mentre Orlando Duque, leggenda colombiana del Cliff Diving, sale sul podio per la terza volta con 478.70 punti, pareggiando i conti con la location dove l’anno scorso era arrivato ultimo per un tuffo nullo. Sul terzo gradino il vincitore della World Series 2013, il russo Artem Silchenko che con 466.90 punti batte l’americano Andy Jones in un testa a testa serrato. Dal settimo posto nel campionato mondiale, Silchenko riesce, grazie alla brillante esecuzione del suo tuffo rovesciato con entrata cieca, ad entrare nella top-3 della classifica.

Rachelle Simpson (243.40 punti) domina la prima tappa del campionato femminile gareggiando insieme alle altre altre 9 atlete dalla piattaforma posta a 20 metri di altezza, il doppio dei trampolini olimpici. La Simpson ha superato l’impressionante wildcard canadese Lysanne Richard (222.00 punti), e la connazionale Ginger Leigh-Huber (213.40 punti). La seconda tappa del mondiale femminile andrà in scena a metà luglio nelle Azzorre portoghesi, per concludersi il 13 settembre nella tappa italiana di Polignano a Mare, splendida località della costa pugliese. Dopo le tappe di Cartagena in Colombia e La Rochelle in Francia (la prima della stagione in territorio europeo), la gara alla Porta dell'Inferno ha messo in evidenza la classe di questo gruppo di atleti, considerando anche il poco preavviso del cambio di programma. La gara in Texas è stata caratterizzata da tuffi dall’alto coefficiente di difficoltà, sempre più complessi nella competizione femminile, e un’ottima performance dell’intero Team USA, con un primo e terzo posto per le donne, e tre atleti arrivati tra i tra i primi otto della classifica maschile. La prossima tappa della gara più adrenalinica del mondo sarà il 20 giugno a Copenaghen in Danimarca.

I PIU VISTI