Sport

Le emozioni (e la fatica) del Red Bull K3 2017

Un percorso di 10 km con un dislivello di oltre 3mila metri fino alla cima del Rocciamelone

Oltre 400 partecipanti e un tempo epico nella scalata al Rocciamelone (3538 metri di altezza). Si è chiusa come un’edizione dei record quella del Red Bull K3 2017 che sabato 29 luglio a Susa ha visto sfidarsi, su un percorso di 9,7 km e un dislivello di 3036 metri, alcuni tra i migliori runner al mondo.

Fermando il cronometro a 1:58:53 lo svizzero Martin Anthamatten è il primo uomo ad aver raggiunto la vetta in meno di due ore, segnando un primato assoluto sulla cima della montagna piemontese.
 Al secondo posto il conterraneo Remi Bonnet (2:00:30), seguito dal valdostano Nadir Maguet, sci alpinista poco più che ventenne, che ha tagliato il traguardo in 2:05:24.
 
In campo femminile, sul primo gradino del podio la torinese Camilla Magliano (2:29:36), che inaugura con una vittoria la sua prima presenza alla gara, inserita quest’anno nel Vertical Kilometer World Circuit. Al secondo e terzo posto, rispettivamente la svizzera Victoria Kreuzer (2:31:38) e la spagnola Maite Maiora (2:33:03).

I PIU VISTI