Icon

Per la prima volta il Nobel va a due studiosi che si sono occupati di cambiamenti climatici e innovazione | video

Il premio Nobel per l'economia è andato a William D Nordhaus e Paul M. Romer per gli studi sull'effetto del cambiamento climatico sull'economia, e per quelli sull'impatto dell'innovazione tecnologica nell'analisi macroeconomica.

L'accademia reale svedese delle Scienze ha assegnato il premio Nobel per l'economia a William D Nordhaus e Paul M. Romer il primo per gli studi sull'effetto del cambiamento climatico sull'economia, il secondo per i suoi studi sull'impatto degli studi sull'innovazione tecnologica nell'analisi macroeconomica. 

Per la prima volta va a due studiosi che si sono occupati di cambiamenti climatici e innovazione a cavallo tra gli anni Settanta e Novanta, riscrivendo il concetto stesso di crescita economica: William Nordhaus (Albuquerque, 31 maggio 1941), e Paul Romer (Denver, 7 dicembre 1955). Il primo è un economista statunitense che insegna alla Yale University. Nordhaus vive a New Haven, Connecticut e viene chiamato amichevolmente "Bill". Il secondo è sempre americano e pioniere della teoria della crescita endogena, un superamento del modello di Solow. E' stato capo economista e vice presidente della World Bank fino al gennaio scorso e professore alla Stanford University. 

Secondo il comitato il comitato, "William D. Nordhaus and Paul M. Romer hanno disegnato metodi per indirizzare alcune delle nostre domande sul come ricreare e tenere in piedi una crescita economica sostenibile. Nuovi modelli che hanno allargato lo spettro delle possibilità della analisi economica mettendo in opera soluzioni che spiegano come l'economia di mercato interagisca con la natura e la scienza" (Twitter:tictoc)

I PIU VISTI