Lifestyle

Per la MFW Bottega Veneta presenta il nuovo designer

Daniel Lee esordisce a Milano con Bottega Veneta

È cambiata la grammatica di Bottega Veneta anche se il racconto rimanda pur sempre all’eleganza artigianale che rappresenta l’anima della maison. A cambiare il linguaggio ci ha pensato Daniel Lee il designer inglese, al suo esordio in Italia, che con la collezione per l’autunno inverno 2019-2020 ha virato verso una sensualità più spiccata portando Bottega Veneta su nuovi lidi della modernità.
Ciò che colpisce è la capacità di combinare lavorazioni della pelle di classica tradizione con tagli di abiti e caposplalla definiti dall’esperienza tecnologica. Uomini e donne in passerella sono dei moderni biberon, dei nomadi di lusso alla ricerca di avventure sulle strade del mondo. Spalle importanti, silhouette staccate dal corpo, anfibi da motociclista, borse rigide e mignon sono tutti elementi che contribuiscono a creare il nuovo stile Bottega che in questa collezione di Daniel Lee tocca le corde più interessanti con gli abiti in pelle costruiti come le armature degli antichi samurai giapponesi. Un buon esordio.

TAG: Moda

I PIU VISTI