News

Bomba esplode nel Politecnico di Kerch. L'attentatore sarebbe uno studente di 22 anni | video

Almeno 10 morti e 70 feriti in un'esplosione avvenuta al Politecnico di Kerch, in Crimea. L'antiterrorismo ha accertato che si è trattato dello scoppio di un ordigno e sta considerando la pista terroristica. Il killer è uno studente di 22 anni che poi si è ucciso.

Almeno 10 persone sono morte e altre 70 sono rimaste ferite in una esplosione avvenuta questa mattina al Politecnico di Kerch, in Crimea. Lo scoppio sarebbe avvenuto nella mensa dell'istituto. Il Cremlino sta considerando la pista terroristica. Per la polizia il killer è uno studente di 22 anni che poi si è ucciso.

Inizialmente si era pensato che lo scoppio potesse essere stato causato da una bombola di gas, ma poco dopo l’antiterrorismo ha riferito che si era trattato di un ordigno esplosivo non identificato. L’emittente Russia Today riferisce che spari sono stati uditi prima dell’esplosione e cita due testimoni oculari che hanno raccontato di avere visto diversi uomini armati a volto coperto che correvano per l’edificio e uccidevano studenti. 

Oltre 200 militari del distretto militare del sud e circa 10 mezzi pesanti sono stati inviati a Kerch su ordine del comandante delle forze armate del distretto per aiutare i servizi di emergenza della città a ripulire le macerie provate dall'esplosione

(Twitter: @loodgunda)

I PIU VISTI