News

Iran, arrestata la ragazza che manifestava senza velo

Un anno di reclusione per la ragazza che per due volte si era tolta dalla testa e aveva sventolato davanti ai passanti il velo, obbligatorio in Iran e per molte donne di questo Paese simbolo di repressione.

Per due volte, nel pieno centro di Teheran, si era tolta dalla testa e aveva sventolato davanti ai passanti il velo, obbligatorio in Iran e per molte donne di questo Paese simbolo di repressione. Ora per Vida Movahed, 32 anni, è arrivato il conto della giustizia islamica: un anno di reclusione per avere diffuso la corruzione morale.

La fotografia di Vida mentre sventolava il suo foulard bianco appeso a un bastone aveva fatto il giro del mondo nel 2017. Nelle settimane successive, altre 29 donne furono arrestate per aver seguito l'esempio di Vida. Vida era stata in un primo momento liberata, dietro la promessa di non ripetere gesti di protesta. Ma nell'ottobre del 2018 la donna, ormai diventata famosa come 'la ragazza di Viale Enghelab', si era nuovamente tolta il velo in pubblico. La sentenza, resa nota oggi dal suo avvocato Payam Derefshan ma emessa il mese scorso, si riferisce proprio a questo secondo gesto di sfida.


La protesta pubblica di Vida Movahed ha portato alla luce del sole un movimento ormai attivo clandestinamente da anni in Iran, promosso attraverso il sito 'My Stealthy Freedom' (la mia libertà nascosta) dall'ex giornalista parlamentare Masih Alinejad, che da tempo ha lasciato il Paese. Le foto di migliaia di donne che si erano fotografate a capo scoperto ma in luoghi appartati erano state pubblicate dal sito per protestare contro l'obbligo dell'hijab, come in arabo viene chiamato l'abbigliamento islamico.

I PIU VISTI