News

Pisa. Incendio brucia 600 ettari di bosco. Evacuate 700 persone | video

L'incendio sta devastando il Monte Serra, nel Pisano. Colpiti 600 ettari. Evacuate 700 persone delle frazioni di Montemagno, Fontana Diana, San Lorenzo, Nicosia e Crespignana. Inviato sul posto anche un elicottero Chinook.

Si è sviluppato e diffuso nella notte, a partire dalle 22:00 di ieri sera l'incendio che sta devastando il Monte Serra, nella zona di Calci, vicino Pisa. L'incendio è quasi certamente di origine dolosa. Il fuoco, complice il forte vento che spira sulla Toscana, si è rapidamente esteso su altri crinali  e minaccia le abitazioni nella località Montemagno. Sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco del comando di Pisa e varie squadre di volontari. In azione anche due Canadair  mentre quattro elicotteri non possono decollare a causa del forte vento. In arrivo altre squadre dei vigili del fuoco dall'Emilia Romagna. Dall'aeroporto di Napoli Capodichino è in partenza un elicottero S64 in dotazione alla Forestale, il mezzo aereo con la massima capienza d'acqua. Inviato sul posto anche un elicottero Chinook.  

Tre i punti di accoglienza attivati per accogliere le persone 700 persone sfollate. Incendio sul Monte Serra: il fronte si espande, 500 sfollati. Evacuate le frazioni di Montemagno, Fontana Diana, San Lorenzo, Nicosia e Crespignana. Fuoco visibile da Lugnano e Noce a Vicopisano, fino Calcinaia. La colonna di fumo è visibile a Km di distanza.

Secondo il Presidente della Regione Toscana, Enrico Rossi, sono andati distrutti 600 ettari di bosco. Rossi ha dichiarato: "Abbiamo già stanziato 200 mila euro." Il primo cittadino di Calci, comune maggiormente colpito dalle fiamme, ha deciso di chiudere tutte le scuole. Le fiamme sono visibili a chilometri di distanza e moltissimi abitanti si sono riversati in strada. L'assessore Giovanni Sandroni dice: "Chi ha provocato tutto questo è un criminale. Ha mai visto un incendio partire alle 22 della sera?" chiede ancora l'assessore. Tutto fa pensare all'origine dolosa delle fiamme (Twitter: @Storie_italiane; @MarcoPuccinell1; @uncuorechevive)

I PIU VISTI