News

Riace, la Cassazione "libera" il sindaco Mimmo Lucano

La Corte di Cassazione ha demolito l’impianto accusatorio che era stato messo insieme contro il sindaco di Riace Domenico Lucano, accusato di favoreggiamento dell'immigrazione clandestina.

Il sindaco di Riace Domenico Lucano era finito sotto inchiesta per favoreggiamento dell'immigrazione clandestina e presunti illeciti nell’affidamento degli appalti per la differenziata. Finito prima ai domiciliari, quindi allontanato dalla “sua” Riace per ordine dei giudici, ora Lucano incassa una vittoria rotonda.

La Corte di Cassazione infatti si è espressa in merito alla misura cautelare del divieto di dimora a Riace disposta dal Tribunale delle libertà di Reggio Calabria nei confronti del sindaco. Niente truffe a Riace, niente ruberie, niente matrimoni di comodo. Così afferma la Cassazione, che demolisce l’impianto accusatorio che contro di lui è stato messo insieme dalla procura di Locri.

Una gran bella vittoria per Mimmo, che commenta la vicenda attaccando il ministro dell’Interno Matteo Salvini: “Io sono debole ma non ho avuto paura del processo, lui è potente e invece è scappato”. Poi continua: “I valori del cristianesimo sono antitetici a quelli dell’attuale ministro dell’interno e a quello che politicamente rappresenta. Un cristiano non può votare per lui”.

 

I PIU VISTI